logo USB

L’Azienda propone un accordo per la progressione orizzontale, ma i fondi a disposizione coprono appena il 20-30% del personale avente diritto.

Coerentemente con la nostra linea sindacale che nella pratica privilegia il metodo della trasparenza, informiamo le lavoratrici e i lavoratori che l’Azienda ha proposto un accordo sulle progressioni orizzontali, cosiddette di “fascia” nel comparto sanità, allegando il prospetto dei fondi disponibili per l’anno 2017. Manca, però,  il prospetto dei fondi 2018.

Domani si terrà la contrattazione sindacale e pur non partecipando come organizzazione sindacale, poiché non firmataria di contratto, ma solo con i nostri eletti RSU, illustriamo le nostre osservazioni per una migliore comprensione della proposta:

» Leggi tutto l´articolo »

Pensioni, sanità, diritti, settori strategici:
è ora di tornare al pubblico! 

Il 20 ottobre manifestazione nazionale

 

Nazionalizzare significa proprio questo, riportare nell’ambito del settore pubblico funzioni essenziali che sono garanzia per la vita dei cittadini.

Per anni ci hanno riempito la testa con lo slogan “privato è più efficiente”. Una campagna finalizzata alla dismissione di asset fondamentali per il Paese come le telecomunicazioni, i trasporti, la sanità, l’istruzione, la previdenza…, dalla quale è conseguita in maniera quasi fisiologica la campagna di criminalizzazione contro i cosiddetti fannulloni del pubblico impiego funzionale all’attacco alle condizioni materiali e ai diritti dei lavoratori pubblici.

Oggi emerge drammaticamente una realtà diversa da come ce l’avevano dipinta. Non solo la privatizzazione dei servizi non è garanzia di efficienza, ma, al contrario, diventa nei casi più eclatanti un fattore di rischio. Il crollo del Ponte Morandi ne è una drammatica evidenza.
D’altronde non potrebbe essere altrimenti: se la priorità è il profitto tutto il resto viene dopo, anche la salute e la sicurezza dei cittadini. Il profitto passa per meno diritti e meno salario ai lavoratori, per tagli alle spese sui materiali e sulle manutenzioni.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 22 giugno, 2018

 

LA  DITTATURA DELLA MAGGIORANZA

 

USB PI ha partecipato alla contrattazione per il comparto Istruzione e Ricerca perché previsto dall’accordo quadro sottoscritto tra ARAN e Sindacati nel luglio del 2016.
Oggi le stesse CGIL, CISL, UIL nazionali si sono poi disturbate per invitare le Università ad essere rigorose nel far rispettare le “regole”, diffidando i Rettori a far partecipare la USB e le OO.SS. non firmatarie, anche in veste di semplici “uditori”, negando pertanto alle Università l’autonomia e l’esercizio della democrazia.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 14 giugno, 2018

I lavoratori pubblici saranno in piazza,
è anche la nostra manifestazione!

 

La manifestazione del 16 giugno indetta dalla Federazione del sociale dell’Unione Sindacale di Base è anche la nostra manifestazione. Perché i lavoratori pubblici sono parte del blocco sociale vittima delle trasformazioni che stanno trasformando il nostro nel Paese delle disuguaglianze.

E’ la nostra manifestazione perché Soumaila Sacko è uno di noi e il cambiamento non si fa alimentando odio e razzismo, ma rivendicando diritti, lavoro, welfare e solidarietà sociale.

E’ la nostra manifestazione perché mette al centro del dibattito politico una piattaforma sociale sulla quale da anni l’USB Pubblico Impiego sta chiamando i lavoratori alla mobilitazione.

» Leggi tutto l´articolo »